lattuga

Trattamenti

 

Per avere meno problemi fitosanitari bisogna in primo luogo salvaguardare la presenza di insetti utili che ci aiutano a combattere i parassiti dei nostri ortaggi. Questo si ottiene con la presenza di una grande varietà di specie, ma anche con la presenza di erbe spontanee, limitando al massimo gli interventi fitosanitari, evitando totalmente l’uso di diserbanti, tollerando la presenza di un piccolo numero di parassiti perché sono il cibo degli insetti utili, creando dei ricoveri dove possono andare quando facciamo ad esempio dei trattamenti o a svernare.

I trattamenti vanno fatti preferibilmente di sera, perché il principio attivo si asciuga lentamente, non si degrada per la luce e la temperatura alta, rimane attivo più a lungo e perché molti parassiti sono più attivi la sera.

Bisogna fare il trattamento solo quando e dove c’è bisogno, non è necessario trattare tutto l’orto ma solo la zona dove c’è il problema, perché altrimenti si danneggia l’entomofauna utile. Bisogna osservare bene i parassiti, se sono poco mobili, hanno un colore spento vuol dire che sono stati parassitizzati dagli insetti utili o che il nostro trattamento sta dando i suoi frutti e non bisogna ripeterlo.

 

Soluzioni

coltura biologica

Esistono decotti e tisane che sono molto utili contro diversi parassiti:

 

contro i lepidotteri (cavolaia, nottue) si possono usare dei bacilli es. Bacillus thuringensis che spruzzato abbondantemente sulla vegetazione, viene ingerito dalle larve e blocca il loro sviluppo

contro i funghi si può utilizzare il rame metallo (verderame) sotto forma di idrossido o solfato di rame

Un discreto rimedio contro le virosi e le batteriosi si ottiene con l’utilizzo del latte che però va usato preventivamente. Quando la pianta è ammalata bisogna estirparla e portarla via magari mettendola sul cumulo ben coperta da altro materiale organico.

Share by: